martedì 17 aprile 2012

Reginette di tarassaco con vitalba e pomodorini confit

E prima che la primavera lasciasse posto, con mio grande disappunto, ad un rinnovato ed anticipato autunno, ho passato una romantica e bucolica giornata nei prati a raccogliere erbe spontanee, ma se avete già visto la ricetta dei ravioli di tarassaco all'ortica già lo sapete.
Ho raccolto tante erbe e per un'intera settimana ho provato accostamenti nuovi, assaporato gusti diversi e preparato tante ricette sfiziose.
Domenica dovrei replicare la giornata nei prati con Cinzia e Marinella, incrocio le dita e spero che non piova.



















Ingredienti:
Per la pasta:
75 g di semola rimacinata di grano duro
30 g di acqua
25 g di tarassaco bollito
Per il condimento:
1 mazzetto di cime di vitalba
15 datterini
olio evo
sale e pepe
maggiorana
semi di papavero
erba cipollina
zucchero

Lavare e tagliare i datterini a metà per il lungo, metterli in una teglia unta d'olio e condirli con spezie a piacere (io maggiorana, erba cipollina, semi di papavero, pepe) un pizzico di sale e lo zucchero.
Far cuocere in forno 1 ora a 100°.
Nel frattempo far bollire il tarassaco in poca acqua salata, scolarlo bene, farlo raffreddare e infine frullarlo.
Preparare la pasta mescolando la farina, l'acqua e il tarassaco, finché non si avrà ottenuto un impasto morbido e omogeneo, 
fare una palla, avvolgerla nella pellicola e lasciar riposare una mezzora.

Mondare le cimette di vitalba e farle bollire in acqua salata per cinque minuti, scolarle e  poi tuffarle in acqua gelata, in modo che non perdano il loro colore.
A questo punto stendere la pasta e ricavare delle reginette con l'apposita rotella taglia pasta seghettata, far riposare sul piano infarinato fino a che i pomodori non saranno pronti.
Far soffriggere uno spicchio d'aglio in camicia in una padella con olio evo, aggiungere le cimette di vitalba, i pomodorini e infine la pasta bollita per un paio di minuti in acqua salata, se necessario aggiungere un mestolo di acqua di cottura della pasta e mantecare il tutto in padella per un minuto.
Impiattare e servire con un'abbondante grattata di pepe nero appena macinato.

9 commenti:

  1. Che gran bel piatto! Salutare, gustoso e decisamente invitante! Ottima ricetta!

    RispondiElimina
  2. un bel piatto...tutto da gustare! davvero ottimo e gustoso!
    baci

    RispondiElimina
  3. Non vedo l'ora Kika!!!
    E ci sarà anche Cinzia!? Ma che scoperta bellissima in questo martedì con sedere di Tabata in faccia e troppe cose lavorative nel didietro :)
    Ps. Non sono un'esperta di prati ed erbe spontanee, ma i pomodorini confit sono una mia vera, grande passione!

    RispondiElimina
  4. Qui purtoppo il tempo ci ha rovinato il piacere di andare per campi, dovrò aspettare la prossima primaver, ma questa ricetta la proverei di corsa!!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  5. Una ricettina più buona dell'altra dopo i ravioli mi prendi per la gola anche con una pasta lunga! Ottima, bei colori e immagino dal sapore notevole ;)
    Baci

    RispondiElimina
  6. Dai Chiara, per il week end i sapienti meteorologi danno bel tempo.....ci acchiaperanno stavolta?!?
    Quando hai un attimo fai un salto da me, c'è una piccola sorpresa:

    http://mymemorandom.blogspot.it/2012/04/e-chi-se-lo-aspettava.html

    buona giornata!

    RispondiElimina
  7. Vedo che adori anche tu cucinare con le erbe e che ne conosci pure una varietà e come usarle . Qui é strapieno di Vitalba ,andro a farne scorta !Bel blog , davvero !

    RispondiElimina

Lasciate commenti, consigli, critiche o complimenti, di certo li terrò presenti.

Related Posts Plugin for Blogger...